spazio bianco – sospensione

È difficile.
E pauroso.
Scava dentro.
E confonde. Rimescola.
Sembra di cadere, di non poter fermare la caduta.
Quei confini netti non sono poi così netti.
E le certezze non sono poi così certe.

È difficile.
E pauroso.
Ce l’abbiamo dentro.
Dobbiamo dargli un nome.
Dobbiamo trovargli un posto.
Comprendere.
Assumersi la responsabilità.

Al di là del testo, dentro il testo.
Fuori dal testo.
Al di là del gesto. Dentro il gesto.
Fuori dal gesto.
Che non è la soluzione.
Che non è il problema.
Ma la descrizione di un attimo definito e circoscritto.

È difficile.
E pauroso.
Camminare in mezzo ai corpi.
Toccarli.
Domandarsi perché.
Domandarsi come.
Domandarsi fino a quando.

Nominarli.
Contarli.
Pensarli.
Io cosa posso fare.
Io cosa ho fatto.
Io cosa farei.
Io.

Respirare.
Guardare.
Respirare.
Pensare.
Respirare.
Dire.
Respirare.

È difficile.
E pauroso.
E necessario.
Non avere paura delle risposte.
Articolare le domande.
Riappropriarsi della parola.
Essere narrazione.

Respirare.
Guardare.
Respirare.
Fermarsi.
Respirare.
Scegliere.
Respirare.

Questa voce è stata scritta da mia parissi e pubblicata il ottobre 11, 2012 su 8:14 am. È archiviata in Italiano, La MaMa Umbria con tag , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Un pensiero su “spazio bianco – sospensione

  1. Pingback: spazio bianco – sospensione « Blockmianotes's Blog

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: